Unfluencer, quando i social incontrano la cultura

Giorno dopo giorno la realtà è sempre più immersa nel digitale. Ogni aspetto della vita quotidiana ha un risvolto online: il lavoro, la socializzazione, lo shopping. Molto del traffico generato passa attraverso i social network, in uno tsunami di post, storie, reels, tik tok che il più delle volte sono vuoti di contenuto, frivoli, insomma, una perdita di tempo. All’orizzonte, però, sembra che qualcosa si stia muovendo con la nascita di content creator sempre più creativi e interessanti. Tra i progetti più innovativi c’è senza alcun dubbio quello degli Unfluencer, “un gruppo di ragazzi che utilizzano i social in modo costruttivo, condividendo con il loro pubblico riflessioni stimolanti e informazioni socialmente utili.”, parole del fondatore Andrea Nuzzo.

Dati alla mani è spaventoso sapere quanto il digitale sia pervaso nella vita di tutti. L’ultimo report di Datareportal mostra come che nel mondo in media si passano ogni giorno 6 ore e 58 minuti collegati a Internet, oltre il 40% del tempo che una persona passa da sveglia.

In Italia siamo in linea con la media mondiale: 6,09 ore al giorno passate su internet. Di tutto questo tempo, in media 2 ore e 27 minuti al giorno, li destiniamo ai social, il 35% del totale.

Volendo fare una classifica dei social preferiti: al primo posto c’è WhatsApp (15,7%), seguito da Instagram (14,8%), Facebook (14,5%) e WeChat (11,4%). TikTok è il social network preferito soltanto del 4,3% degli intervistati, ma ha registrato nel 2021 un’impressionante crescita del +7,3%, arrivando a raggiungere circa 885 milioni di utenti in tutto il mondo. Soltanto negli ultimi 90 giorni, TikTok ha guadagnato circa 60 milioni di utenti, tutto ciò senza considerare i ragazzi al di sotto dei 16 anni, che non sono stati inclusi nelle statistiche ma costituiscono una fetta importante dell’utenza del social.

TikTok: il social del momento

Il fenomeno della digitalizzazione nella comunicazione sta portando persone fisiche, associazioni e imprese a definire strategie per essere presenti e vicini al proprio pubblico attraverso i social network. Un fenomeno che sta inondando le principali piattaforme di contenuti che nella maggior parte dei casi non riesce a distinguersi per originalità e alimenta lo scrolling nell’indifferenza generale. L’ossessione della presenza a tutti i costi ha riportato in auge il trade-off tra qualità della comunicazione e quantità.

Un dilemma, che non ha nulla a che fare con gli Unfluencer, che anzi cercano in tutti i modi di alzare lo standard. Il nome attira da subito l’attenzione con quella che sembra essere una provocazione agli influencer. Come dichiara il fondatore Andrea Nuzzo “l’obiettivo ultimo non è influenzare, ma informare” avendo alle spalle conoscenze e competenze raramente messe a disposizione sui social.

Per ora i componenti del team sono sei ed ognuno è specializzato in una materia.

  • Andrea Nuzzo, editore del Magazine nonché papà di Bill, fondatore dell’agenzia Billover e del progetto Unfluencer, ha deciso di portare sui suoi canali riflessioni su vari argomenti e condividere ogni settimana “7 cose che ho imparato negli ultimi 7 giorni della mia ‘inutile’ vita”, con un focus sul mondo del digitale e dell’innovazione. Sempre con consapevolezza e spirito critico;
  • Valentina Pano, in arte Melaidi, studentessa di filosofia che cattura l’attenzione con monologhi profondi e riflessivi. I suoi video, anche se brevi, sono talmente impattanti che anche il mondo accademico ha iniziato a mostrarli per promuovere un dibattito costruttivo.
  • Giacomo Panozzo, studente di storia, condivide sul suo canale TikTok aneddoti storici cercando di togliere il velo di polvere che agli occhi dei più avvolge la materia. Riesce a mettere insieme leggerezza e fedeltà storica rendendo appassionate qualsiasi argomento.
  • Veronica Repetti, laureata in linguistica e attuale studentessa di logopedia, utilizza TikTok e Instagram per andare oltre le parole: scoprirne l’origine, i significati, la pronuncia e gli elementi culturali che hanno portato alla loro formazione. Passa con estrema facilità da una spiegazione sulle funzioni di Jakobson all’analisi dei dialetti e dell’origine delle parolacce;
  • Benedetta Colombo, studentessa e appassionata di arte, racconta con leggerezza i principali artisti e movimenti, dal Medioevo al contemporaneo, in un’escalation di entusiasmo ed emozioni. I suoi video sono utilissimi anche per fare bella figura alle cene con i parenti.
  • Marco Andrea Teti, un ragazzo che si diverte ad andare in giro a spaccare rocce nei magnifici paesaggi della sua Sardegna mentre ne racconta la composizione chimica. Studia Geologia all’Università di Cagliari e gli piace spiegare in 60 secondi tutto ciò che impara sulla Terra e l’universo. Passa dall’analisi di un diamante, ad una spiegazione sui buchi neri e l’antimateria.

Gli unfluencer sono la dimostrazione che i social non sono solo balletti, ricette di cucina e piscine scavate in mezzo alla giungla ma anche un luogo virtuale dove condividere in modo divertente e leggero le proprie passioni e competenze facendo crescere le proprio conoscenze.

Utilizzare il web in modo costruttivo e consapevole è possibile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: